Retr0Bright: come ripristinare le plastiche ingiallite

Premessa

La ricetta del gel è completamente open source. Se volete copiare e incollare la mia traduzione della ricetta, fate pure; un link a questa pagina e una notifica sono comunque molto graditi. Ho aggiunto alla ricetta originale alcune considerazioni personali e una spiegazione su come ho convertito le unità di misura.

Evitate però, come è già successo più volte, di fare copia e incolla di tutto (o quasi) il mio articolo, che è, come si dice, tutta farina del mio sacco. Io non ho fatto copia e incolla da altri siti. Le foto le ho fatte io. I successi e gli sbagli sono esperienza diretta.

E’ davvero spiacevole per me trovare il mio articolo riportato pari pari in siti o forum da qualcuno che lascia la narrazione in prima persona, come se portasse la propria esperienza.

L’articolo è stato pubblicato originariamente il 5 aprile 2010. Questa sezione introduttiva è stata aggiunta l’8 agosto 2012.

1 maggio 2013: un amico mi ha segnalato un annuncio online di una persona che offre servizi di “restauro console e sbiancamento plastiche ingiallite”. Questa persona ha usato le foto di questo articolo, ma non sono io. Per rispetto verso chi mi dona i computer, non ho mai venduto e mai venderò i miei pezzi, e non offro alcun servizio a pagamento.

Plastica ingiallita: cos’è Retr0Bright?

E’ un gel che permette di invertire il processo di ingiallimento della plastica, riportandola al colore originale. Lo uso per computer e console, ma nulla vieta di usarlo su mattoncini del Lego, giocattoli, o tutto ciò che è in plastica ABS.

Ecco cosa può fare:

Retr0Bright - Commodore 64C

Introduzione

Uso il gel Retr0Bright (a volte scritto Retrobright o Retrobrite) dall’estate del 2009, penso di aver maturato un’esperienza sufficiente per parlarne nel blog aggiungendo qualche consiglio personale. Inoltre – a oggi – non è facile trovare pagine in italiano sull’argomento: la maggior parte danno un accenno al prodotto o una veloce traduzione. Spesso le immagini sono le stesse del sito in inglese: pochi di quelli che hanno riportato la scoperta hanno effettivamente provato il prodotto, e in questo caso dovete cercare nei newsgroup o nei forum informazioni piuttosto frammentate.

Dato che l’intero progetto è stato rilasciato al pubblico senza fini commerciali, spero di contribuire a diffondere la notizia nella comunità italiana di retrocomputing e collezionisti; qualcuno offre online il trattamento a pagamento: se non vi sentite in grado di utilizzare il processo, può essere una soluzione. A scanso di equivoci, non sono io e non so chi sia.

Il mio articolo dovrebbe essere sufficientemente esaustivo sull’argomento, il riferimento rimane ovviamente il sito del progetto (in inglese). Non ho le competenze per spiegare in dettaglio il processo chimico del restauro o dei possibili danni, se masticate un po’ d’inglese leggete anche l’articolo originale.

In ogni caso non ritenetemi responsabile se rovinate il pezzo più importante della vostra collezione: iniziate con qualcosa di comune, un mouse o qualche pezzo di facile reperibilità. A volte un ingiallimento uniforme può essere accettabile, se è un pezzo unico è meglio tenerlo così o rischiare di rovinarlo? Abbiate pazienza e fate pratica.

Come funziona?

La scoperta più importante è stata che non è la plastica a ingiallire, ma un composto aggiunto alla plastica stessa come ritardante di fiamma, il bromo. I produttori di computer usavano una plastica economica, l’ABS, aggiungendo il ritardante per rendere più sicuro il prodotto; il bromo in natura è marrone, e l’esposizione ai raggi UV del sole spezza un legame chimico riportando il bromo al suo colore originale.

Questa scoperta è stata in realtà la conseguenza di un esperimento in Germania: alcune persone hanno notato che lasciando alcuni giorni le plastiche in immersione in acqua ossigenata (perossido di idrogeno) sotto il sole, queste ritornavano al colore originale.

Il chimico del progetto Retr0Bright – questo il nome assegnato al “prodotto” – ha indagato sul processo e ha trovato un modo per accelerarlo: bisogna aggiungere un catalizzatore, che però si trova puro in commercio solo per le industrie. Fortunatamente questo elemento è l’ossigeno attivo dei vari prodotti “Oxi” che troviamo al supermercato: basta quindi un po’ di Vanish o simili. Farà un po’ di schiuma ma non contiene prodotti dannosi per le plastiche.

Con questo catalizzatore, il processo di ridare la molecola di ossigeno al bromo (l’ingiallimento è comunque solo in superficie) accade in qualche ora piuttosto che qualche giorno; ironicamente, ciò che attiva il processo sono gli stessi raggi UV colpevoli dell’ingiallimento.

Il problema è che se dobbiamo “sbiancare” plastiche piuttosto voluminose, servono grandi quantità di acqua ossigenata, che nelle concentrazioni necessarie non è facile da trovare. La soluzione è stata quella di rendere il prodotto spalmabile (e più economico): diamo il benvenuto al gel Retr0Bright!

La ricetta

Attenzione! L’acqua ossigenata in alte concentrazioni è pericolosa! Può danneggiare la pelle e rendervi ciechi se arriva negli occhi. L’acqua ossigenata per disinfettare le ferite ha una concentrazione del 3%-6%; quella usata dai parruchieri del 12%; quella usata per sbiancare il legno arriva al 40% (130 volumi). Usate sempre i guanti e occhiali protettivi.

Per convertire da volumi a percentuale, dividete per 3,3.
Ad esempio, 130 volumi / 3,3 = circa 40%.

Nota: “tablespoon” e “teaspoon” sono vere e proprie unità di misura, non sono un cucchiaio o un cucchiaino. Inoltre c’è differenza tra USA e Gran Bretagna…
La ricetta è inglese, per cui:
1 tablespoon = ~18ml
1 teaspoon = ~6ml

Ingredienti per produrre circa mezzo litro di gel (ricetta originale)

500 ml di acqua ossigenata 10% – 15% (circa 40 volumi)
2 tablespoon (36ml) di gomma di Xantano (è un addensante alimentare che potete ordinare in farmacia o online)
1 teaspoon (6ml) di glicerina (anche questo in farmacia o online)
1/4 teaspoon (2ml) di Vanish o simile in polvere (cercate i vari “Oxi” al supermercato, cambiano le percentuali di ossigeno attivo, in genere attorno al 30%)

Mescolate l’acqua ossigenata e la gomma di Xantano in una ciotola con una frusta elettrica (quella per montare la panna). Aggiungete la glicerina e mescolate ancora. Lasciate riposare e date un’ultima mescolata. Il composto può essere conservato in un contenitore, di plastica e non trasparente. Non aggiungete il Vanish, va usato solo quando dovete applicare il gel. Il composto senza il Vanish può essere conservato per qualche settimana senza problemi. Una volta attivato, deve essere utilizzato entro 48 ore, poi risulta inefficace.

Il mio consiglio: mantenete percentuali basse di acqua ossigenata. Io ho provato varie concentrazioni, anche più del 15%. Sappiate che più alta è la percentuale, più aumenta la probabilità di danneggiare la plastica. Io ora uso acqua ossigenata all’8%.

Utilizzo

Smontate e pulite i pezzi da restaurare. Aggiungete una punta di cucchiaino di Vanish al composto e mescolate in modo che si sciolga. In alternativa, sciogliete il Vanish in un po’ di acqua calda (non bollente) e aggiungetela al composto.

Spalmate il composto in maniera uniforme sulla plastica e mettetelo al sole. Il sito dice di lasciare agire per un giorno, ma vi posso assicurare che se fate così ci sarà un’alta probabilità di rovinare la plastica. Dovete controllare ogni due-tre ore che il gel non si asciughi: dato che sicuramente si sarà seccato, date una pennellata con un po’ d’acqua e spalmate altro gel.

Le serigrafie non vengono rovinate, ma le parti in metallo potrebbero ossidarsi. La vernice su alcune parti metalliche (es. vecchi loghi Apple) sbiadisce o si scrosta. Usate solo sulla plastica.

A parte qualche pezzo particolarmente ingiallito, qualche ora potrebbe già bastare a ripristinare le plastiche. Sciacquate bene togliendo qualsiasi residuo del gel. Non valutate il risultato di sera con la luce di una lampadina: aspettate il giorno dopo e guardate il pezzo alla luce del giorno. Come per qualsiasi restauro, non insistete, non esagerate. Se volete ottenere il risultato “perfetto”, finirete per rovinare la plastica in maniera irreversibile. Accontentatevi del risultato ottenuto.

Effetti collaterali

Se usate una concentrazione troppo alta di acqua ossigenata, o se lasciate il pezzo troppo a lungo sotto il sole, la plastica potrebbe sbiancarsi in maniera irreversibile. A me è successo nei primi esperimenti, per cui ripeto: perossido di idrogeno al massimo al 10% e controllate spesso che il gel non si asciughi, altrimenti appariranno macchie o striature bianche. Sul sito Retr0Bright ci sono vari esempi di esperimenti andati male.

La mia esperienza

Lampada UV, Luce di Wood, Black lightOltre a mettere i pezzi al sole, ho provato anche con lampade UV di ogni tipo. I raggi UV sono di tre tipi, alcuni arrivano naturalmente sulla terra mentre altri devono essere riprodotti artificialmente e sono molto pericolosi (soprattutto gli UVC). Ho provato con una lampada UVA da 25W, una lampada UVA+UVB da terrario, una pericolosa lampada UVC che accendevo in una scatola completamente chiusa, in cantina.
Le lampade che vanno bene sono le “Black light” o “luce di wood”: sono quelle che si usano anche in discoteca e fanno risaltare tutto quello che contiene fluoro (occhi, denti, magliette bianche).
Il problema è che in genere queste lampade sono poco potenti, vanno bene per pezzi piccoli ma è difficile illuminare il case di un computer su tutti i lati, perché l’effetto della lampada cala con la distanza. Meglio una giornata di sole.

Tante parole, ora finalmente qualche foto! Di seguito alcuni dei miei interventi.

Commodore VIC20: il mio primo esperimento

Ecco come si presentava il pezzo prima del restauro: aveva un ingiallimento molto evidente localizzato in basso a sinistra e lateralmente sulla parte superiore del case. Quella inferiore solo a lato.
Questa prima prova risale all’estate 2009, in una bella giornata di sole qui al nord.

Commodore VIC20 - Retr0Bright (1)

Applicazione del gel (più che altro è una schiuma):

Commodore VIC20 - Retr0Bright (2)

A fine mattinata, dopo qualche ora:

Commodore VIC20 - Retr0Bright (3)

A fine giornata:

Commodore VIC20 - Retr0Bright (4)

Tastiera Apple

Una tastiera molto ingiallita. Fino a dove può arrivare Retr0Bright? Eccola prima della cura:

Retr0Bright - Tastiera Apple (prima)

E questo è il risultato finale:

Retr0Bright - Tastiera Apple (dopo)

Commodore 64G

Qui il computer prima di essere ancora pulito, così com’è arrivato:

Retr0Bright - Commodore 64G (prima)

In questo caso, oltre alla scocca,  anche i tasti erano ingialliti. Ecco il risultato finale:

Retr0Bright - Commodore 64G (dopo)

Altri pezzi

Il tag retr0bright vi mostra altri pezzi nel blog trattati con il gel.

Problemi

Preso dall’entusiasmo del primo successo, ho fatto un’altra prova; ma la concentrazione di acqua ossigenata era troppo alta e quando ho visto le prime macchie pensavo che anche tutto il resto dovesse diventare grigio chiaro, invece la plastica aveva iniziato a rovinarsi. Ho insistito utilizzando il gel due giorni di seguito, due giornate estive di sole che hanno solo peggiorato il problema.

Qui un’altra tastiera prima di essere smontata, pulita e restaurata:

Retr0Bright - Tastiera rovinata (prima del trattamento)

Ecco come si presenta il difetto della plastica “macchiata”  a striature:

Retr0Bright - Tastiera rovinata (a fine trattamento)

Di seguito un dettaglio della plastica rovinata evidenziato in PhotoShop:

Retr0Bright - Tastiera rovinata (dettaglio evidenziato in PhotoShop)

Non è possibile ripristinare in nessun modo la plastica una volta che si è sbiancata oltre al suo colore originale.

Conclusione

Retr0Bright, e le persone dietro al progetto, hanno reso possibile ciò che per molti anni ho ritenuto impossibile. Parecchi pezzi che ho recuperato sono ingialliti: alcuni in modo lieve e uniforme, e magari non dà neanche troppo fastidio. Altre plastiche sono invece ingiallite parzialmente perché esposte alla luce solo da un lato, o perché c’era un’etichetta o un monitor appoggiato sul computer che ha protetto parte della scocca.
In questo caso il restauro è un’ottima soluzione per ripristinare o rigenerare le plastiche riportandole al colore originale.

Mi sono posto il problema se sia corretto restaurare un vecchio computer. Ho pensato che ci sono varie categorie di oggetti, che condizionano il tipo di restauro da applicare: in alcuni casi è bello vedere i segni del tempo, altre volte è ovvio e scontato ripristinare le condizioni originali, come nelle auto d’epoca. Nessuno andrebbe orgoglioso di una vecchia Porsche con la carrozzeria arrugginita, le cromature scrostate e i sedili rovinati.

Il trattamento è definitivo?

Aggiornamento di febbraio 2014. E’ passato qualche anno e a quanto pare la risposta è “no”. Anche tenuti al buio o inscatolati, i pezzi tornano a ingiallire. Fate riferimento a questo articolo del blog di Tezza (uno dei primi a sperimentare il Retr0Bright).

38 Commenti

  1. Luca ''OgniX''
    Pubblicato il lunedì 15 novembre 2010 alle 19:16 | Permalink

    Ciao Giacomo!
    Grazie del report dettagliato delle tue esperienze: mi saranno sicuramente utili per iniziare a sbiancare alcuni pezzi che ho da parte (ho fatto solo dei mini-esperimenti, con dei tasti di un C-64C ed acqua ossigenata, che sono andati a buon fine).
    Luca “OgniX”

  2. Pubblicato il martedì 21 giugno 2011 alle 12:38 | Permalink

    Un’ottima guida,
    utile per iniziare a fare qualche esperimento su alcuni computer che abbiamo in sede.
    Grazie !

    Dino

  3. Pubblicato il martedì 21 giugno 2011 alle 18:13 | Permalink

    Ciao Dino! Sto facendo qualche esperimento con un prodotto che semplificherebbe molto il processo… appena pronto ti avviso :-)

  4. jason
    Pubblicato il domenica 2 ottobre 2011 alle 22:06 | Permalink

    Fantastico mi sono sempre chiesto come si poteva rimediare questo problema ho molti telefoni di casa a tasti americani anni 60…alcuni di loro…quelli bianchi si sono ingialliti..e pur avendo recuperato tutti i graffi con Novus (prodotto americano) mi sono chiesto come si poteva togliere l’ingiallimento dei mie telefoni Western Electric benissimo se mi verrà l’idea provero su plastiche di cui non mi importa per imparare ….Thanks a lot again!!!!!!!

  5. Alessandra
    Pubblicato il venerdì 13 gennaio 2012 alle 23:57 | Permalink

    ciao, sarebbe tutto perfetto se non dovessi ottenere l’effetto contrario,ovvero ingiallire del materiale che non e’ plastica,ma piuttosto una pellicola spessa 2mm con base di cellulosa, chiamata Pyralin. Dovrei ottenere l’effetto ingiallito sulla copertura di una batteria vintage anni ’40′i componenti sono stati acquistati in momenti diversi e ora non sono piu’ dello stesso bianco perlato.
    Grazie
    Alessandra

  6. Pubblicato il sabato 14 gennaio 2012 alle 10:27 | Permalink

    Alessandra, purtroppo tutto questo processo parte dal presupposto che il materiale sia ABS; personalmente ho visto plastiche di altro tipo ingiallite dal tempo e non dal sole, ma se il Pyralin è a base di cellulosa, non ho la più pallida idea dei processi chimici responsabili dell’ingiallimento di questo materiale.

  7. Alberto
    Pubblicato il lunedì 30 aprile 2012 alle 11:54 | Permalink

    Interessantissimo! E complimenti per il bellissimo blog!

    Farò delle prove….ho voglia di restaurare il mio C64 del 91!
    E un modellino di “Robotech” dell’85! Entrambi con la plastica ingiallita!

    Mi spaventava il discorso serigrafie dei tasti, ma se dici che il prodotto non influisce…

    Mi lascia solo perplesso il discorso tablespoon/ml in quanto la xanthan gum è venduta solida a quanto vedo (in polvere) .

    Quindi tenendo per buono il discorso glicerina misurata in ml….è giusto misurare la xantham gum in gr? Quindi diciamo 36gr? Dico ciò perchè penso entrino in gioco discorsi di peso specifico….

    Tu come misuri?

  8. Pubblicato il mercoledì 2 maggio 2012 alle 9:05 | Permalink

    Ciao Alberto, prima di tutto ti consiglio di fare qualche esperimento con oggetti di scarso valore per fare un po’ di esperienza… non iniziare subito con le cose a cui tieni, perché se poi sbagli qualcosa non c’è modo di tornare indietro.

    Io per la quantità di gomma di xantano rubo un misurino a mia moglie, ha tutto il set di teaspoon, tablespoon, cup, ecc. – comunque per la gomma non è necessaria una precisione al milligrammo, serve solo come addensante. Fai attenzione all’acqua ossigenata, usa una concentrazione anche più bassa (6%).

  9. Alberto
    Pubblicato il sabato 5 maggio 2012 alle 13:30 | Permalink

    Ok! Grazie Giacomo!

    Comunque il C64 è dell’88 o 89 mi ero sbagliato…lo dico perchè sotto c’è un sigillo di garanzia (che mi toccherà togliere per il restauro) per una riparazione in garanzia datata 11-89

    Proverò sicuramene con qualche oggetto senza valore prima di avventurarmi nell’impresa…

  10. Gina
    Pubblicato il venerdì 25 maggio 2012 alle 11:53 | Permalink

    Caspita che scoperta! Grazie per la divulgazione. Contribuisco con la mia prova. Ho provato in un angolo di una vecchia lampada, in origine di un bel verde salvia ma orribilmente ingiallita. Ho però usato qualcosa che avevo in casa: emulsione ossidante e polvere schiarente (priva di ammoniaca). Sono utilizzati per schiarire pelurie varie. Ha funzionato benissimo.
    Ho spalmato, coperto con pellicola cercando di non lasciare bolle e poco più di un’ora al sole. L’ho appena lavata e……….miracolo!
    Peccato non averla fotografata prima.
    Se interessa posso fornire dettagli dei prodotti che ho usato.
    Ancora grazie
    Gina

  11. Pubblicato il sabato 26 maggio 2012 alle 0:39 | Permalink

    Ciao Gina, grazie per aver condiviso la tua esperienza! Sicuramente qualche dettaglio in più potrebbe aiutare chi ha voglia di usare qualcosa di più semplice o di già pronto.

    A proposito di prodotti già pronti: ho usato con successo anche l’acqua ossigenata in crema a 30 volumi, circa 9%, quella per parrucchieri. Credo che proverò di nuovo con una crema a 20 volumi (6%).

    L’unico problema è che questa crema non è molto densa, quindi non va troppo bene per grandi superfici verticali; forse avvolgere l’oggetto nella pellicola, come hai fatto tu, potrebbe essere d’aiuto.

  12. marco
    Pubblicato il lunedì 23 luglio 2012 alle 10:22 | Permalink

    Grande, sapresti dirmi se può valer la pena provare su un vecchio serbatoio di benzina ? In origine era bianco ma poi a seguito del sole e del trasude della benzina diventava giallo. Alcuni lo mettono a mollo in acqua e soda caustica, ma il risulttato è mediocre. Ciao e grazie mille

  13. Pubblicato il lunedì 23 luglio 2012 alle 14:50 | Permalink

    @marco: non so se i serbatoi per la benzina (di una moto?) sono della plastica che può essere trattata; di certo non riuscirai a togliere tracce causate dal carburante, almeno con il retr0bright.

    Inoltre, con un oggetto così pericoloso come un contenitore di benzina, non posso prendermi la responsabilità di darti un suggerimento alla cieca… magari rischi di alterare la composizione della plastica e rendere il contenitore poco sicuro.

  14. Luca
    Pubblicato il martedì 16 ottobre 2012 alle 13:30 | Permalink

    Ciao Giacomo, grazie per aver reso tutto il tuo lavoro disponibile in maniera chiara e comprensibile.
    Io sono un collezionista di flipper, nei flipper ci sono spesso plastiche ingiallite dello spessore di circa 3 millimetri , il problema è che in origine sono trasparenti e non bianche per cui qualche dubbio l’avevo sulla riuscita del test.
    Oggi ho provato il metodo utilizzando pero’ l’acqua ossigenata in crema a 40 volumi + Vanish,dopo 6 ore di plastica al sole tanta schiuma ma non è cambiato niente, la plastica rimane ingiallita , peccato perchè speravo di poter risolvere questo odioso problema.
    Certo il sole di oggi 16 Ottobre non è fortissimo come quello di luglio ,comunque scalda bene segno che i raggi UV ci sono.
    Non so dire di che materiale siano fatte la plastiche ma forse essendo trasparenti o si sono alterate anche all’interno o l’ingiallimento è dovuto a qualche altro processo chimico e non al bromo.

  15. Pubblicato il giovedì 18 ottobre 2012 alle 19:20 | Permalink

    Ciao Luca, bella passione anche quella dei flipper… concordo con te sul fatto che la causa dell’ingiallimento non sia dovuta al bromo.
    A volte è meglio una giornata soleggiata di ottobre, l’ultima volta che ho usato il gel questa estate ho dovuto lasciare i pezzi all’ombra perché il sole era anche troppo!

  16. Edo
    Pubblicato il domenica 6 gennaio 2013 alle 0:17 | Permalink

    Grazie 1000 per la preziosa info! Oggi sono riuscito a riportare ai fasti originali una attempata Amiga500.

    Hanno funzionato benissimo l’acqua ossigenata in crema a 30 vol e 2,5 ml di vanish.
    Tempo di esposizione alla luce solare (scarsina…) di sole due ore.

  17. Pubblicato il lunedì 7 gennaio 2013 alle 19:44 | Permalink

    Edo, mi fa piacere che tu sia riuscito a riportare al colore originale i tasti del tuo Amiga.

    Per pezzi piccoli è anche possibile metterli in un vasetto di vetro con acqua ossigenata e aggiungere il vanish, mescolando ogni tanto per esporre tutte le parti al sole.

  18. Pubblicato il mercoledì 24 aprile 2013 alle 15:54 | Permalink

    Ciao Giacomo. Ho appena letto questo interessantissimo articolo. Pare che il Retr0bright sia temporaneo. Mooolto temporaneo.
    Buona lettura. ;)
    http://www.classic-computers.org.nz/blog/2013-01-15-retr0bright-only-temporary.htm

  19. Pubblicato il sabato 27 aprile 2013 alle 13:59 | Permalink

    Grazie per la segnalazione, Gabriele, in effetti solo ora inizia a esserci uno “storico” del trattamento con il gel. Io ho qui un monitor di Apple IIc che era davvero molto ingiallito: non è chiuso in una scatola ma è “esposto” su uno scaffale in una stanza dove c’è luce naturale filtrata da una “tenda” temporanea (un foglio di carta sul vetro). È lì da anni ma non ho notato regressioni. Controllerò qualche altro pezzo trattato e condividerò i risultati.

  20. nico
    Pubblicato il giovedì 2 maggio 2013 alle 20:38 | Permalink

    Salve,colleziono vecchi computer da almeno un decennio,con costanza variabile, il che vuol dire che non ho grandi numeri ne modelli rari…però è una passione che continuerò a coltivare.

    Detto questo, ho scoperto da pochi giorni proprio in questo sito,il retr0bright , e già mi sto organizzando per provare.

    Ammazza però che rara e costosa che è la gomma di xantano, l’ho ordinata in farmacia a 20€ euro più euro meno di 100g… mi avranno fregato? Ha ha…

    La prima cavia sarà un vecchio computer russo del 1990 .. con scheda madre non funzionante. È giallo che più giallo non si può , marrone direi.

    Se tutto va bene (e torna il sole) poi procederò a trattare un Amiga1200 che finalmente mi hanno regalato (dopo 6 anni che chiedo…) , del quale ho già smontato tutti i tastini uno per uno.

    Mah vedremo cosa combino, grazie comunque della dritta!!

    Saluti, Nico.

  21. Ezio
    Pubblicato il domenica 19 maggio 2013 alle 14:54 | Permalink

    Per Nico. A mio avviso segui i consigli di Giacomo. Prima del computer russo, io proverei a sperimentare su qualcosa di poco raro, magari un Commodore 64 recente, mal che vada ne ricompri uno a 10 euro. I miei esperimenti falliti battono ancora quelli perfettamente riusciti ! Per la gomma di xantano, prova con un addensante qualsiasi, va bene lo stesso. Occhio all’acqua ossigenata, con la crema da parrucchieri avevo temuto per le mie impronte digitali: ho sbiancato anche quelle !!!

  22. nico
    Pubblicato il mercoledì 22 maggio 2013 alle 14:35 | Permalink

    Salve. Ho provato con il “Russo” perché non è di molto interesse, visto che è anche fulminato….

    Il Russo è diventato a strisce tipo zebrato… Come nella foto qui in alto dove viene evidenziata la plastica sbiancata oltre il colore originale. In più le scritte sui sono cancellate, credo che il computer avesse serigrafie economiche tipo i trasferibili….

    L’ Amiga 1200 è venuta bene, anche se un lato tende al giallino non si nota,i tasti sono diventati stupendi…

  23. Pubblicato il domenica 26 maggio 2013 alle 17:17 | Permalink

    Uno dei vantaggi dei vecchi computer rispetto a quelli moderni è che spesso possono essere riparati… magari il computer russo, probabilmente molto raro qui da noi e sicuramente interessante, poteva essere sistemato. Peccato. Con l’Amiga 1200 il procedimento è meno rischioso perché il colore originale è molto chiaro; mi fa piacere che tu sia riuscito ad ottenere un buon risultato.

  24. Fabrizio
    Pubblicato il venerdì 21 giugno 2013 alle 22:48 | Permalink

    Ragazzi gran bel sito
    Anche io come voi ho riportato un sacco di plastiche da gialle a bianche
    Quello,che però trovo complicato è pulire i tasti,delle commodore e ibm keyboard
    Mi vengono via i,caratteri …
    Suggerimenti ?

  25. Pubblicato il domenica 23 giugno 2013 alle 18:04 | Permalink

    Per i tasti uso una spugna non abrasiva e un prodotto sgrassante, o detersivo per i piatti. Dopo averli staccati tutti dalla tastiera, ovviamente. Lavoro noioso ma, con le tastiere più vissute, necessario.

  26. Barbara
    Pubblicato il giovedì 21 novembre 2013 alle 18:22 | Permalink

    che bell’articolo! sapete se x caso sbianca anche la gomma ingiallita? Per chi non lo sapesse la gomma xantana si trova a pochi euro su siti internet che vendono ingredienti per farsi i cosmetici in casa come Aromazone, Farmacia Vernile, glamour cosmetics ecc. non fatevi fregare dalle farmacie :)

  27. Luigi
    Pubblicato il sabato 7 dicembre 2013 alle 11:31 | Permalink

    Bellissimo articolo, assolutamente da provare.
    Sono arrivato a questa pagina perché cercavo qualcosa per sbiancare i tasti bianchi della mia Korg Triton (tastiera elettronica), leggermente ingialliti. Ti risulta che questo metodo funzioni anche con oggetti bianchissimi come questi? Sai di esperienze già fatte?
    Grazie ancora.

    Luigi

  28. Pubblicato il giovedì 12 dicembre 2013 alle 16:36 | Permalink

    @Barbara: la prima volta ho preso la gomma di xantano in farmacia e in effetti la fanno pagare tantissimo, meglio comprare online, concordo. Grazie per i suggerimenti!
    Per quanto riguarda la gomma… hai provato a pulirla con un po’ di cif? Di che oggetto stai parlando? Io proverei retr0bright su un lato nascosto dell’oggetto prima di rischiare che si sciolga :-)
    Se l’oggetto è piccolo, si può evitare la gomma di xantano e lasciarlo immerso nell’acqua ossigenata con un po’ di vanish.

    @Luigi: con gli oggetti originariamente bianchi c’è una minore possibilità che vengano le strisce, ma a volte bisogna accontentarsi di un risultato che migliora la situazione, senza insistere per far tornare i tasti 100% bianchi come in origine.

  29. Luigi
    Pubblicato il domenica 15 dicembre 2013 alle 11:28 | Permalink

    Grazie della risposta, ho provveduto a smontare tutti i tasti bianchi e a pulirli con il detersivo intanto perché erano parecchio sporchi nelle zone interstiziali. Qui la nebbia che dura giorni interi non mi aiuta molto, ed il lavoro settimanale nemmeno. Mi sa che aspetterò il prossimo week end per retr0brightare, vi farò sapere il risultato dato che non ho trovato precedenti…

  30. Antonello
    Pubblicato il giovedì 23 gennaio 2014 alle 3:18 | Permalink

    Ciao Giacomo, mi fa piacere conoscerti ed avere la possibilità di ringraziarti per l’esperienza che condividi con noi; gli altri.
    Io colleziono robot giocattoli, per lo più in ferro e plastica, non esenti dalla stessa problematica ove presentino pezzi bianchi.
    Vorrei elencarti alcune domande:
    - come si fa a distinguere una plastica ABS da un’altra realizzata in resina?
    - in caso di resina, i tuoi consigli sono attuabili o impropri?
    - nelle risposte a Edo e Barbara, suggerisci (per piccoli oggetti, come nel mio caso) l’immersione in acqua ossigenata con un po’ di Vanish; in quali quantità e concentrazioni?

  31. Pubblicato il domenica 2 febbraio 2014 alle 12:25 | Permalink

    Ciao Antonello, non credo che il Retr0Bright possa funzionare con la resina, e non so aiutarti a distinguerla dall’ABS.

    Per quanto riguarda l’immersione in acqua ossigenata, uso le stesse proporzioni della ricetta escludendo la gomma di xantano e la glicerina. Il problema dell’immersione è che gli oggetti in plastica tendono a galleggiare, a volte li tengo fissati al fondo del contenitore con un po’ di biadesivo.

  32. fra
    Pubblicato il domenica 23 febbraio 2014 alle 13:10 | Permalink

    Ciao..funziona anche con la plastica delle cartucce?

  33. Pubblicato il lunedì 24 febbraio 2014 alle 17:12 | Permalink

    Probabilmente sì… ma di solito le etichette sulle cartucce dei giochi sono in carta :-)

  34. Pasquale
    Pubblicato il lunedì 3 marzo 2014 alle 22:37 | Permalink

    Lo scolorimento è dovuto ad un naturale processo di ossidazione dei vari materiali di cui sono composte le plastiche (metalli ma non solo) per cui la luce del sole non c’entra niente o c’entra molto meno di quello che si pensa. Puoi tenere un computer inscatolato al buio per anni che comunque si scolora sempre. Personalmente ho in parte risolto spalmando le plastiche, dopo averele lavate con un mix di acqua e sapone di marsiglia liquido con aggiunte di piccole quantita di alcool e acetone, con un poco di olio di vasellina, crea uno strato protettivo che riduce di parecchio il processo di ossidazione. Nel mio caso dopo due o tre anni le plastiche hanno mantenuto il colore senza ingiallire.

  35. Michele
    Pubblicato il giovedì 6 marzo 2014 alle 17:59 | Permalink

    Buona sera, sono giunto su questo sito quando ho ereditato un vecchio e ingiallito (ma pur sempre affascinante) televisiore Algol 12 di Brionvega.
    Ho letto molto riguardo retrobright, la mia domanda è, secondo lei è saggio utilizzarlo sulle plastiche dell’algol che non sono “porose” come quelle dell’abs nei vecchi mecintosh ma lucide?
    La ringrazio anticipatamente

  36. Emanuele
    Pubblicato il domenica 4 maggio 2014 alle 11:23 | Permalink

    Buon giorno.
    Il miglior consiglio su come sbiancare i computer. L’ho provato su un vic20 e un commodore 64c con risultati strepitosi (anno 2012).
    Sono tornato su queste pagine dopo 2 anni e ho letto l’aggiornamento dove viene specificato che il trattamento non è definitivo e duraturo, nemmeno con i computer inscatolati. Appena possibile provo aprire anch’io i miei scatoloni per controllare se qualcosa è cambiato.
    Sono tornato su queste pagine per ripassare la ricetta, in quanto sto per sbiancare altri computer. Sarebbe graditissimo se qualcuno mettesse le foto, prima dello sbiancamento, dopo lo sbiancamento, e come peggiora dopo qualche anno le plastiche sbiancate. Completerebbero questo articolo, il migliore a mio avviso.
    PS: per rispettare il suo lavoro, quando ho bisogno della ricetta o di ripassare i procedimenti, torno su queste pagine invece di essermi stampato il suo articolo.
    Grazie.
    Emanuele

  37. Pubblicato il domenica 29 giugno 2014 alle 0:47 | Permalink

    Ciao Giacomo,
    chiaro e dettagliato l’articolo.
    Io l’avevo gia’ letto l’anno scorso ma oggi sono tornato a dare un’occhiata ai commenti e se a qualcuno puo’ essere utile, io ho ordinato la gomma xantana su questo sito a circa 3 euro una confezione di 25 gr. (ne ho acquistate 3 confezioni).
    Le spese di spedizione con GLS vengono 5 euro circa.
    Evitate davvero le farmacie perche’ chiedono fino a 15-20 euro.
    Grazie
    Maurizio.

    http://www.macrolibrarsi.it/prodotti/__gomma-xantana.php?pn=2631&gclid=CjgKEAjwz7mdBRDS46_ipNqqsEQSJAC4rrGkvPzLTDgtK988N0mqXCHC1pZcDQO_9hFObxchrFH-0vD_BwE

  38. laura
    Pubblicato il domenica 21 settembre 2014 alle 22:49 | Permalink

    Ciao, non avete mai provato le spugnette bianche della Scotch Brite? le vendono in tutti i supermercati. Credo ci siano anche di altre marche, la chiamano “gomma magica” o simile. Non so se il risultato sia paragonabile ma le uso anche per le plastiche ingiallite e vedo buoni risultati. Non ho idea di cosa siano fatte, forse per le serigrafie sono un pò troppo aggressive.
    Laura

Un Trackback

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi tag e attributi HTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>